TopOne 2021

 Quando il fuoristrada è filosofia

 

 

 

User:

Pass:

 

 

Menu di sinistra

4x4 Val di Noto

Home Page

Iscrizione

Calendario Eventi

News

 Ventennale 1989-2009

 La Regia Trazzera
 Top One

Storia del Club

Foto Gallery

 Direttivo

La Trazzera

I Soci del Club

Valdinoto è anche

Contattaci

Link Fuoristrada

Gemellaggio Butembo

Apparato CB

Pneumatici

Manutenzione

 

 

 

 

 

 

 
Ricerca personalizzata

SOTTO IL SEGNO DEL LEONE  

La riscoperta, la valorizzazione e l`impegno per la fruizione degli insediamenti rupestri medievali di Noto è un`opera meritoria sotto il profilo culturale e del rafforzamento dell`identità cittadina. Ma è anche qualcosa di più: essa accresce l`offerta turistica del territorio e diventa quindi strategica nella politica tesa a sviluppare una proposta vincente in termini di attrattività e diversificazione.
Dunque un invito a tutti a visitare la mostra e a partecipare alle escursioni, ed un ringraziamento all`associazione Cacyparis per il
lavoro svolto con passione e tenacia.


Frankie Terranova - Assessore al Turismo Citta di Noto

SOTTO IL SEGNO DEL LEONE


Nell`XI secolo alcuni geografi arabi ponevano la Sicilia sotto il segno del Leone vedendone la comprova nei continui turbamenti politici. La storia medievale della Sicilia musulmana è una pagina poco nota ma di lunga durata. Tracce di essa nel territorio del Val di Noto si riscontrano tuttora nella sua cultura attraverso la toponomastica dei luoghi, la gastronomia, in agricoltura e soprattutto nelle numerose architetture rupestri. Proprio su queste ultime il Gruppo Grotte Cacyparis, da più di dieci anni, ha iniziato un percorso di ricerca e documentazione. Villaggi e “casali” rupestri che raccontano i modi di vivere ed abitare tipici di quel periodo e che spesso, anche se in maniera spontanea, si sono ripetuti nei secoli successivi. Queste architetture del “cavare” sono state condizionate e guidate dalla particolare geomorfologia del territorio, inciso da un reticolo di canyon fluvio-carsici denominati “cave”. E’ all’interno delle cave che gli insediamenti rupestri si presentano sia in forma di articolati e complessi villaggi - talvolta fortificati ed occultati e localmente denominati “ddieri”, termine proprio di origine araba ad deyar (le case) - sia come abitati aperti, privi di difesa, ovvero i “casali”. Dal censimento effettuato nel solo Bacino del Fiume Cassibile, sono emersi oltre 15 villaggi ad uso abitativo e 6 cultuali. Gran parte di essi, sopravvissuti quasi indenni ai catastrofici terremoti iblei, risultano essere le poche e rare tracce di architetture medievali. Oggi, gran parte di questi manufatti risultano in completo stato di abbandono, spesso
poco accessibili se non con l’uso di tecniche speleologiche, perlopiù siti in proprietà private e senza alcun vincolo di tutela.
Ma una delle loro peculiarità è di trovarsi immersi in luoghi di forte valenza ambientale dove oggi si praticano attività outdoor
quali escursionismo, arrampicata, canyoning o biking: tutte forme di turismo sostenibile che il nostro gruppo da anni incentiva.

Sabato 22 dicembre 2012


Ore 18.00 Sala Conferenze Collegio dei Gesuiti, Corso V. Emanuele Noto
Incontro conferenza in cui verrà presentata la ricerca effettuata dal Gruppo Grotte sugli insediamenti rupestri censiti.
Interverranno:
Frankie Terranova- Assessore al Turismo del Comune di Noto;
Vincenzo Belfiore e Corrado Nastasi - Gruppo Grotte Cacyparis;
Ore 20.00 Bassi di Palazzo Ducezio lato Via Silvio Spaventa
Inaugurazione della mostra fotografica ”luci sui secoli bui”a cura di Vincenzo Belfiore;
Poster sugli insediamenti rupestri a cura del Gruppo Grotte Cacyparis;
Degustazione vini Cantina Barone Sergio.

Domenica 23 dicembre 2012


Ore 8.30 appuntamento Piazza XVI Maggio presso il Caffè Nero Bollente.
Iscrizione e registrazione dei partecipanti per l’escursione a Cava Putrisino e Basilica di San Marco. Rientro previsto nel primo
pomeriggio; escursione facile. I partecipanti dovranno essere muniti di scarpe da trekking (o da ginnastica), zainetto giornaliero
personale e colazione a sacco.
Contributo per l’escursione di 8.00 euro comprendente copertura assicurativa. I partecipanti dovranno essere auto muniti.

Domenica 30 dicembre 2012


Ore 8.30
appuntamento Piazza XVI Maggio presso il Caffè Nero Bollente.
Iscrizione e registrazione dei partecipanti per l’escursione ai ddieri di Baulì. Rientro previsto nel primo pomeriggio; escursione di
media difficoltà. I partecipanti dovranno essere muniti di scarpe da trekking (o da ginnastica), zainetto giornaliero personale e
colazione a sacco.
Contributo per l’escursione di 8.00 euro comprendente copertura assicurativa. I partecipanti dovranno essere auto muniti.
Numero max di partecipanti ad escursione 30 persone;
l`accompagnamento alle escursioni verrà svolto da speleologi del Gruppo Grotte. Le prenotazioni che dovranno pervenire almeno 2 giorni prima delle escursioni. L`organizzazione si riserverà la facoltà di cambiare destinazione o quant`altro ritenuto opportuno.
Per info e prenotazioni: Tiziana Di Benedetto 3478227161 mail: tizidb73@gmail.com



“Nell`XI secolo alcuni geografi arabi ponevano la Sicilia sotto il segno del Leone vedendone la comprova nei continui turbamenti politici. La storia medievale della Sicilia musulmana è una pagina affascinante e di lunga durata che abbraccia circa quattro secoli. Tracce di essa nel territorio del Val di Noto si riscontrano tuttora nella nostra cultura attraverso la toponomastica dei luoghi, la gastronomia, in agricoltura e soprattutto nelle numerose architetture rupestri. Proprio su queste ultime il Gruppo Grotte Cacyaparis, da più dieci anni, ha iniziato un percorso di ricerca e documentazione. Villaggi e “casali” rupestri che raccontano imodi di vivere ed abitare tipici di quel periodo e che spesso, anche se in maniera spontanea, si sono ripetuti nei secoli successivi. Queste architetture del “cavare” sono state condizionate e guidate dalla particolare geomorfologia del territorio, inciso da un reticolo di canyo n fluvio-carsici denominati “cave”. All`interno delle nostre cave si trovano numerosi insediamenti rupestri che si presentano sia in forma di articolati e complessi villaggi - talvolta fortificati ed occultati e localmente denominati “ddieri”, termine proprio di origine araba ad deyar cioè le case - sia come abitati aperti, privi di difesa -ovvero : i “casali”. Dal censimento effettuato nel solo bacino del Fiume Cassibile, sono emersi oltre 15 villaggi ad uso abitativo e 6 cultuali. Gran parte di essi, essendo sopravvissuti quasi indenni ai catastrofici terremoti iblei, risultano essere le poche e rare tracce di architetturemedievali. Oggi, gran parte di questi manufatti risultano in completo stato di abbandono, spesso poco accessibili senza l`uso di tecniche speleologiche, perlopiù siti in proprietà private e senza alcun vincolo di tutela. Inoltre, questi villaggi rupestri si trovano immersi in luoghi di forte valenza ambientale dove oggi è anche possibile praticare attività quali escursionismo, arrampicata, canyoning o biking; tutte forme di turismo sostenibile che il nostro gruppo da anni incentiva. “Gli astrologi affermano che quando la casa del Leone sorge obliquamente esercita, nonostante la sua reputazione benefica, un` influenza malefica, cosicché ogni paese sotto il suo influsso è difficile da governare per il sovrano. Il Leone domina Samarcanda, Ardabil, la Mecca, Damasco e la Sicilia: questi paesi non sono in sintonia con i loro sovrani e i loro sovrani con loro.” Geografo anonimo dell`XI secolo “Libro delle curiosità delle scienze e delle meraviglie per gli occhi”.

 

data. 22/12/2012

di  Club Val di Noto 4x4

 

Propone notizie, eventi, raduni e fotografie del club.
 
 
 
 

 

home page

contact

loghi 4x4 valdinoto

pubblicità in questo sito

 



Copyright © 2003-  Valdinoto4x4  Club Fuoristrada